Un drago per stupire

Il mondo dei bambini, è un mondo fatto di fantasia e di stupore.
Drago

Penso che qualunque genitore sappia come rimane un bimbo davanti a qualcosa di “sorprendente”.

Domani, nonostante non sia carnevale, mi vestirò da drago.

Dobbiamo fare il “lancio” della festa di San Giorgio, patrono degli scout, e quest’anno l’attività (prevista per il 21 e 22 Aprile) avrà come tema proprio il ritorno alle origini e dunque la sua storia e la sua leggenda…

Ho già trovato dove comprare la gommapiuma e le bombolette… per il fuoco dalla bocca invece mi sto attrezzando. 😉

Spesso ci dimentichiamo com’era facile, da piccoli, rimanere impressionati con qualcosa di semplice… siamo circondati da troppe cose e siamo convinti che, per divertirci, sia necessario avere sempre di più.

Da quanto non fate una bolla di sapone? 🙂

– A volte, più di un mondo nuovo, c’è bisogno di occhi nuovi per guardare il mondo… –

Emanuele

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

7 commenti » Scrivi un commento

  1. Da quanto non fate una bolla di sapone?

    Da pochi mesi … Valentino ci gioca molto e io gioco molto insieme a lui!
    La primavera è alle porte e con lei le mitiche bolle!
    A febbraio ha anche assistito ad uno spettacolo con le bolle di sapone!!! Più di così non sò cosa fare!!!!!
    Mi vestirò da spongebob!!!

  2. Bella iniziativa 😀

    Per il fuoco dalla bocca potresti usare una serie di “lingue romane” ( quelle pipette che se ci soffi si allungano ) 😀
    anche se IMHO una bomboletta di Axe + accendino è + scenografica 😉

  3. Eheh Mavero… effettivamente tu hai Valentino che ti permette di rivivere una seconda giovinezza… 😛
    Juspolo… mmmm, potrebbero essere un’idea ma ho paura che poi diventi un drago troppo comico (mentre deve rappresentare un po’ il drago della leggenda…). Il fuoco vero no… già sarò tutto imbottito di gommapiuma… metti che parte male una fiamma, divento un rogo ambulante! 😀
    D’altronde… i bambini riescono a sorprendersi con molto meno di noi. L’anno scorso siamo spuntati davanti a tutti con una “macchina del tempo” in stile Ritorno al futuro…: si trattava di una vecchia Citroen AX completamente rivestita di cartone e colorata con le bombolette spray… 8)
    Ciao,
    Emanuele

  4. Pingback: …time is what you make of it… » Archivio del blog » E’ già sabato!

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.