Tè per programmatori?

Avevo deciso di fare una pausa dallo studio prendendomi un bel tè.

Sembra però che i miei studi si siano infilati persino in cucina!

Tè dall'isola di Java

Si parla di Java, l’isola indonesiana o di Java, il linguaggio di programmazione divenuto open source 1 mese e 5 giorni fa?!

Spero non esista un’isola di programmatori Java che nel tempo libero coltivano tè…

Ok ok… sto farneticando. 🙂

Buona pausa a tutti,

Emanuele aka P|xeL

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

6 commenti » Scrivi un commento

  1. Magari e’ l’isola di nome ‘java’ dove a quanto so io e’ stato inventato quel java diventato opensource di cui parli, e del quale dopo domani dovro’ sostenere un esame

  2. No Luca… scherzi a parte, il linguaggio di programmazione “Java” ha preso nome dalla qualità di un caffè che erano soliti prendere “i padri” del linguaggio! L’isola omonima, non c’entra nulla…
    Ciao,
    P|xeL

  3. Pingback: …time is what you make of it… » Archivio del blog » L’auto mi deride…

  4. a me un ragazzo oggi mentre studiavamo mi ha detto che java e’ stato inventanto in un isola in cui un gruppo di studenti si trovava in vacanza…lui era serio..magari mi prendeva in giro :sad:e magari hanno preso in giro lui

  5. Si è vero Barbara… lo bevono molto i miei genitori, io solitamente preferisco il tè classico…
    Luca, se non mi credi vai pure a farti un giro su Wikipedia, scoprirai che si son divertiti a prenderti in giro! 😛
    Ciao,
    P|xeL

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.