La furbizia del nano italiano…

Forza Italia - La furbizia del nano

A quanto pare, gli italiani negli ultimi anni sono diventati più ricchi.

L’immagine qui sopra, è presa dalla pagine dei risultati delle riforme portate nel nostro paese in questi anni dal governo del tizio con la bandana.

E’ tutto oro quello che luccica?

A quanto pare NO.

Se si presta un pizzico d’attenzione infatti, sarà semplice notare che tutte le altre cifre mostrate in quella pagina sono espresse in euro, gli unici valori espressi in dollari sono solo quelli del reddito medio. Perchè?! Lavoriamo in america? No.

La risposta è molto più semplice e diabolicamente geniale. In questi anni il cambio euro – dollaro è sceso notevolmente.

L’euro nel 2001 valeva 1,12663 dollari. Nel 2005 (anno a cui fa riferimento quella pagina, non potendo prevedere l’andamento dell’anno in corso ovviamente), il cambio euro-dollaro era sceso a 0,82898. Potete verificarlo voi stessi (l’ho fatto io personalmente, dunque niente catene via e-mail e/o simili) direttamente sul sito dell’UIC alla pagina dei cambi.

Con 2 semplicissime moltiplicazioni, si scopre così che il reddito medio degli italiani è sceso da 27793 euro a 22481. In pratica, nelle tasche degli italiani sono mancati mediamente 5312 euro!
Davvero furba come cosa, non vi pare? E’ bastato esprimere solamente quei valori in un’altra valuta per far sembrare, a colpo d’occhio, che tutto sia andato per il verso giusto. Che l’Italia è migliorata. Evidentemente invece, non è così.

Questi stessi dati sono ben pubblicizzati anche sul libro che Berlusconi ha inviato per la campagna elettorale nelle case degli italiani… (s)fortunatamente non l’ho ancora ricevuto.

Senza dubbio continua a prenderci per coglioni.

Emanuele

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive con sua moglie in una casa con un ciliegio e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

2 commenti » Scrivi un commento

  1. Anche a me pare che si usano le cifre – se non con malafede – se non altro con leggerezza o incompetenza.

    Comunque c’è una analisi di Paolo Attivissimo sull’argomento (come sempre volta a verificare l’autenticità di ogni cosa che “si diffonde” in rete.
    Conclude:

    L’appello è quindi inaffidabile, ma anche l’opuscolo su cui si basa non consente alcuna verifica di affidabilità, essendo privo delle fonti dalle quali trae le cifre proposte e del metodo di calcolo di tali cifre. L’indagine antibufala finisce qui: ogni ulteriore annotazione scivolerebbe nel commento politico.

  2. Si avevo già letto il suo post in proposito (sono anche iscritto alla sua mailing list da anni) ed è anche da li (da uno dei commenti) che avevo trovato la pagina dei risultati di Forza Italia.
    Come dice Paolo, mancano le fonti, e questo rende tutti quei dati logicamente inaffidabbili, personalmente comunque ritengo che il fatto che abbiano utilizzato i dollari si commenti da se. Sono piccoli trucchetti che qualunque venditore metterebbe in atto pur di impupare il proprio prodotto.
    E i politici, solitamente, sono i miglior venditori.
    Ciao,
    Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.