Pulizie minuziose…

ScopeIeri ho finalmente trovato il tempo (e la voglia) di ripulire per bene la mia stanza.

Il mese scorso l’avevo trascurata parecchio… nonostante venga una signora ad aiutarci per le pulizie, la mia stanza preferisco pulirla personalmente.

Precisino come sono però… appena sono arrivato a passare la pezza sul case del computer non mi sono fermato più.

Ho preso l’aspirapolvere ed aperto un lato del case… ho spento il pc (che stava fungendo da jukebox) ed ho iniziato ad aspirarlo tutto. Effettivamente di polvere il pc ne raccoglie tanta… nonostante le ventole laterali buttino aria fuori, sul fondo si deposita sempre qualcosa. Arrivato a quel punto però… non mi sono fermato. Ho visto la ventola… poveretta.

L’ultima volta che avevo ripulito il case internamente sarà stato circa un anno fa… così, ieri ho preso un cacciavite e… tac, le 4 viti che tenevano la ventola del processore sono andate via. Una bella aspirata anche li… che in previsione dell’estate (e del caldo desertico tipico delle estati siciliane :sad:) non può che far bene. Purtroppo non ho pensato a controllare le temperature prima e dopo la pulizia, senza dubbio comunque avrò guadagnato qualcosina…

E voi… vi ricordate mai di dare una spolveratina al vostro pc?! Non immaginate che microcosmo si nasconda al suo interno… :timid:

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

1 commento » Scrivi un commento

  1. A proposito del microcosmo all’interno del “case”, io che sono un po’ più avanti negli anni, e che ho studiato le valvole, i triodi e i condensatori elettrolitici, ricordo che il professore di tecnologia ci consigliava di NON rimuovere la polvere all’interno delle apparecchiature elettroniche, perchè per effetto igroscopico eliminava l’umidità dai circuiti e isolava i componenti evitando effetti elettromagnetici indotti fra la circuiteria e il suono prodotto dagli amplificatori di potenza diventa più “caldo”.
    Vedi come cambiano i tempi…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.