Imparare dormendo è straordinario!

Quel che vi sto per raccontare ha dell’incredibile, perciò mettetevi comodi e seguitemi. Vi anticipo semplicemente che fino a due giorni fa non sapevo fare il nodo alla cravatta.

Avete presente quando, durante la notte, sognando le cose più disparate, finite per ritrovarvi in situazioni in cui servono abilità particolari e voi – quasi per magia – le avete e finalmente le mostrate fuori? Un po’ come sognare di saper volare o di riuscire a fuggire in maniera spettacolare o di poter ad affrontare trenta uomini armati meglio di Jackie Chan! :eeeh:

Ecco, io due notti fa ho sognato di saper fare il nodo alla cravatta. Ero assurdamente nella mia scuola superiore e in classe dovevo spiegare ad alcuni amici e amiche (attuali) come si facesse il nodo perché tutti avevano dubbi.

Prendi l’estremità più corta, la metti sotto l’altra. Poi prendi l’altra, fai un primo giro, lo passi dentro, poi rigiri, ti infili e scendi… poi stringi e blablabla… ecco fatta la cravatta. Come? Non mi credi? Guarda come m’è venuta bene.

Avevo una cravatta al collo fatta da me.

Questo sogno, fortunatamente, l’ho fatto verso la fine della notte e così mi son svegliato col pensiero alla cravatta. Purtroppo di mattina, per la fretta, non ho potuto cercare una cravatta per verificare che il processo fosse giusto… però ieri sera, cercando nell’armadio di mio padre, ho preso una cravatta ed ho ripetuto l’operazione.

Gira qui, gira lì… << Papà, si fa così il nodo alla cravatta?! >>.

Cavoli. Era giusto! Ho imparato ad annodarmi la cravatta dormendo! 😎

Che poi capita spesso di addormentarsi con un pensiero (mi capitava mentre studiavo cose matematiche) e di trovare la soluzione prima di crollare oppure la mattina svegliandosi, però lì si tratta di ragionamenti su cose che si stan studiando. Si tratta di aver sedimentato ancor di più certi processi logici e aver trovato un filo utile alla soluzione.

Io invece ho imparato una cosa che non sapevo fare… è assurdo! :dogarf:

E’ proprio vero che nulla è impossibile (però tranquilli, se sognerò di nuovo di saper volare non tenterò il volo dell’angelo dal balcone… :-P).

Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.