Stiamo bene qui, seduti in riva al fosso.

La differenza è una però. C’è chi sta scivolando e chi invece è in procinto di fare il più grande salto della propria vita. Quando sei in riva vedi entrambe le cose.

Fortunatamente mi sento nella seconda condizione e non c’è pioggia, vento o buio che mi spaventi realmente.

So che la porta dei sogni si sta per spalancare. La riconoscerò, citofonerò, non sentirò risposta ma – magicamente – un click libererà la serratura.

Spingerò un po’ e col piede preferito, la bocca leggermente aperta, gli occhi pieni di stupore varcherò la soglia (da lì in poi datemi pizzicotti per tenermi coi piedi per terra). 🙂

Emanuele

4 commenti » Scrivi un commento

    • Grazie Maurizio, la cosa bella è che pure in riva si fatica, sia come quando si è fuori che quando si è dentro. Nulla cade dal cielo in fin dei conti…
      Ciao,
      Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.