Al premier spettano 365 donne.

Non ho avuto il tempo di parlarne prima ma io tutta questa storia di Berlusconi, la minorenne, le escort, Villa Certosa non l’ho mica capita.

La gente è sbigottita, all’estero sono sorpresi e impressionati e parlano di Berlusconi come “pericolo per l’Italia”.

Ecco… ma io dico, è mai possibile che si metta alla gogna un Presidente del Consiglio, ma soprattutto un uomo, nel momento in cui fa la scelta più giusta della sua vita politica e personale?

Non ho avuto il tempo di dirlo ma io direi che dovrebbero spettargli di diritto almeno tre stangone. Russe, moldave, polacche, spagnole… scelga lui se ha gusti particolari.

E non devono essere calme e pudiche. Proprio cavalle. Di quelle che – a letto – se non le soddisfi per sei ore consecutive non si smuovono e ti rimettono sotto.

Oh signori, è il Presidente del Consiglio!

Dategliele ‘ste veline! Non destinatele tutti ai calciatori, che quelli poi fanno persino un corso per imparare a memoria le parole di rito per convolare a nozze. Silvio i discorsi pronti li impara da solo da anni!

Berlusconi ha fatto una scelta saggia e noi gli diciamo di vergognarsi. Gli diciamo che dovrebbe smetterla. Ma siamo impazziti tutti?!?

Io, al contrario, direi che, considerate le leggi personalissime che sono già state emanate, venga passata con un provvedimento in rapidissima anche questa: al premier spetta una cavallona ogni sera. Ogni giorno dell’anno.

Cavoli. Quanti ultrasettantenni conoscete a cui il cuore regge senza problemi uno stress simile? 🙂

Emanuele

14 commenti » Scrivi un commento

  1. Ma quale stress quello è bello fresco e pettinato, Berlusconi è l’uomo che in Italia può avere tutto. :S

  2. D’accordo. Apriamogli magari un club spogliarelliste solo per lui. Però togliamo da quella posizione in cui si trova.

  3. Mao, io spero che per l’età che ha… beh. Ok dai, sono troppo cattivo oggi.
    Stormy, secondo me si impasticca di Viagra e tenta di sfoderare le sue qualità “latine”. Perché lui è un gran donnaiolo! 😀
    Ciao,
    Emanuele

  4. Sarà, ma se il Berlusca schiatta, chi ci mettete per rimpiazzarlo? Franceschini che litiga con Di Pietro sulla fuffa? D’Alema che litiga con Debora Serracchiani (la candidata di Internet) per aver attaccato “gli apparati” 😉 Cioè, per me sta bene togliere di mezzo Silvio, ma dovete anche pensare a cosa succederebbe dopo. Forse alla fine quello che avete adesso come presidente del consiglio è il male minore…

  5. Mao, in effetti io da qui leggo solo Corriere e Sole24Ore. Per fortuna non ho la testa piena delle cose che dicono i vari mezzi di informazione, destra o sinistra che siano 😉 Ad ogni modo, abbiamo già visto cosa ha combinato la sinistra al governo: sono riusciti a litigare su tutto e a far cadere Prodi dopo due anni. No, prima di far schiattare Silvio bisogna avere una coalizione forte in grado di governare, altrimenti le elezioni non si vinceranno mai. Secondo te perché la sinistra ha perso le ultime politiche? Perché gli italiani sono tutti cretini e PECORE che pendono dalla bocca di Emilio Fede? A giudicare da quello che leggo in giro per la blogosfera no. Hanno perso perché non hanno saputo offrire un’alternativa solida e credibile a quello che proponeva il “solito” Silvio. Che, veline a parte, sta dando tutto sommato un buon segnale: impiegati pubblici messi in riga (l’inps ha dichiarato un risparmio di 400 milioni di euro [o miliardi, non ricordo] per via di un improvviso calo di richieste di pensioni di invalidità), investimenti in giro per il paese, leggi economiche che danno una boccata d’ossigeno al tessuto produttivo italiano e via dicendo. Non guardate le veline e la villa in sardegna, quelle sono solo il fumo negli occhi 🙂 Io non sono “di destra” o “di sinistra” ma guardo i fatti: quando era al governo prodi, l’unica cosa che ricordo è un messaggio di fondo “ci dispiace, ma dobbiamo alzare le tasse” 😉 Io per primo tra ticket sanitari, bollo auto, e varie, ne fui testimone. E dire che con Silvio il bollo auto era rimasto invariato per la mia Yaris nei 5 anni precedenti.

    Per farla breve: quale sarebbe la tua alternativa nel caso Silvio schiattasse? Seriamente…

  6. Ti rispondo in maniera più ampia più tardi. Sulla Sinistra hai profondamente ragione, pur avendo fatto qualcosa di positivo con il precedente governo, si è dimostrata fallimentare. I continui litigi, i personalismi, i voltagabbana hanno fatto crollare ciò che di buono si stava facendo.
    Credo che vi siano oggi invece più boutade pubblicitarie che fatti. E penso che non sia un gran paese quello in cui vengano firmati decreti contro l’immigrazione, in cui vengano messi bavagli all’informazione, in cui non si faccia qualcosa contro il precariato, in cui non si investa più sul Sud, lasciato a se stesso. In cui giudici che devono decidere su leggi fondamentali vadano a cena con colui sul quale devono decidere. Potrei continuare. Ma mi fermo qua.
    Qui non è però solo un problema di destra o sinistra, il problema è qualcuno che non ha nulla a che vedere con queste divisioni datate, ma che segue soltanto i sondaggi per creare consenso.
    Però, brevemente, in questi anni mi sembra di aver visto anche qualche idea intelligente.

    Ci sentiamo dopo.

  7. Appunto. A proposito della sinistra hai centrato appieno il problema. La Serracchiani come tanti altri giovani leve sono visti come il problema e non come il rimedio.

  8. Beh, non è mia intenzione “spammare” il blog di Emanuele con un argomento che non sento neppure mio (la politica Italiana), ma faccio solo un paio di precisazioni. Tu dici “politiche contro l’immigrazione” io dico “controllo dei flussi”. Accogliere i clandestini senza nessun limite, è un problema per loro stessi innanzitutto. Perché in molti non troveranno lavoro e finiranno per diventare manovalanza illegale o peggio al soldo della mafia o altre criminalità. In fondo sti poveretti devono pur mangiare, quindi se non riescono a portare la pagnotta a casa in maniera legale, si organizzeranno di conseguenza. La legge tende a garantire chi entra in maniera regolare, a dargli la speranza di un lavoro e di una vita migliore. Non è un modo per trincerarsi in casa. D’altro canto a casa tua, se vengono 100 amici a trovarti, staranno un po’ scomodi, e magari romperanno qualche soprammobile perché non potrai contollarli. Se invece ne vengono 10, state tutti comodi, e vi divertite pure. Ogni Nazione (non solo l’Italia) ha un programma di controllo dei flussi di immigranti (persino la Russia eheh). Ma siccome è una legge che fa Silvio, allora è “male” a prescindere. E con questo mi fermo 😉

  9. Mi dispiace che non ti interessi la politica italiana vivendo all’estero.
    Comunque non spammiamo più Emanuele. Se vuoi ne parliamo in altra sede. Sui controlli dei flussi (o politiche sull’immigrazione) qualcosa deve essere fatto, sicuramente. Ma da popolo di immigrati dovremmo sapere perchè si va via dalla propria terra, e poi non alimentare la logica immigrato=delinquente.
    Quanto a Berlusconi non mi preoccupa ciò che fa nella sua vita privata (non sono un moralista) mi preoccupa più che altro quanto questo influenza la vita del nostro paese (vedi candidature, promesse varie, etc..).
    Comunque mi sto dilungando nuovamente troppo senza poter esprimere ciò che penso in maniera più estesa. Penso soltanto che non si possa essere soltanto critici con la politica, ma fare in modo che diventi un interesse di tutti, stimolando le forme di partecipazione dei cittadini in ogni maniera. Vedo ad esempio con stima le primarie americane, e vorrei che davvero ci fossero anche qui, per ogni occasione, senza troppe investiture dall’alto.

  10. Mi dispiace non aver potuto rispondere prima ma ieri è stata una giornata pienissima.
    Comunque… innanzitutto non è un problema se ne parlate qui, sia perché i commenti son fatti per far discussione, sia perché il vostro parere mi interessa e aiuta a riflettere.
    Personalmente credo – giusto per inserirmi nella discussione – che la nostra sinistra abbia difficoltà a fare “le cose di Silvio” proprio perché Prodi, Di Pietro, la Borsellino siano molto meno inseriti in altri mondi. Berlusconi con le sue cene coi giudici, con le sue “amicizie” sparse in ogni dove riesce ad avere il controllo di tantissime cose. Da questo la sua possibilità di far figurare la sua politica come “funzionante”. Sono convintissimo che la sinistra riceva tantissimo ostruzionismo. Da sempre la classe industriale italiana è stata legata alla destra e penso che questo faccia la differenza in questo periodo.
    Sono consapevole che tante cose in questo periodo siano cambiate… ma non credo sia “sano” governare un paese in questo modo. Alla lunga, a furia di chieder favori, far passare avanti qualcuno e così via, qualche anello si romperà. E li sarà dura rimettere tutto a posto.
    Berlusconi in Italia riesce a manipolare chiunque perché in un modo o nell’altro ha come chiudergli il commercio. Non ha mani (a titolo personale) solo in politica ma anche nell’industria… e così, da alleato può trasformarsi in nemico e non è mai cosa buona.
    La stessa cosa all’estero gli riesce molto meno e sono tanti i politici che gli ridono in faccia e i giornali che gli dicono ciò che merita.
    Riguardo alla sua vita privata, questo post è nato per ironizzare… anche per me può far quel che vuole. Però sinceramente – e forse sono un pizzico utopico – mi piacerebbe vedere al governo persone integre e non capaci di fare bei discorsi sul valore della famiglia, del risparmio, del sacrificio (oh si, ha detto “italiani, lavorate di più…”) e poi sentir che lui distrugge la propria famiglia, si da a festini ai limiti della legalità e così via.
    Forse chiedo troppo ma sarebbe bello poter votare oltre al “politico” anche “la persona”, non credete?
    Ciao,
    Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.