La “classe” politica.

La cosa più assurda non è il sistema di rilevamento impronte. Non è neanche la difficoltà di garantire l’autenticità del voto.

La cosa più assurda ve la dico io qual è.

La cosa più assurda è che l’Italia abbia dovuto spendere n-milioni di euro pubblici perché i politici che ci governano sono dei disonesti.

Quegli stessi politici che poi si riempiono la bocca di “piano sicurezza”, che condannano i furti di quella povera gente che 1000 euro li vede in 12 mesi, e che dicono arrestiamo questi o espelliamo quelli.

Che disgusto che provo per queste persone (destra o sinistra importa poco).

Emanuele

3 commenti » Scrivi un commento

  1. Concordo pienamente, tuttavia non mi capacito del fatto che nessuno si accorge di questo, e noi siamo troppo pochi per farci sentire.

    P.S.
    Come nel post commentato prima, continuo ad adorare il tuo logo. xD

    • Ma si, siamo tutti bravi ad accusare e giudicare l’onestà degli altri ma la cosa più tristemente vera è che in politica al momento di persone intergerrime non se ne vedono. E il problema invece di esser risolto con forza (tagliando le mele marce) viene affrontato con questi mezzucci che poi vengono anche “vinti per gioco”.
      L’idea del politico di lasciare una pallina di carta per bloccare il sistema è ridicola. Una persona che in parlamento (in PARLAMENTO, non a casa sua!!!) fa delle cose simili sinceramente dovrebbe essere allontanato a vita. Ugualmente chi viene trovato dalle telecamere di sicurezza a votare per un altro!!
      Se non sanno rispettare la legge loro per primi, con che coraggio possono condannare chi porta il cellulare dentro l’urna per avere 100€ o un pezzo di pane?!
      Tristemente però la gente non fa sentire la sua voce…
      Ciao,
      Emanuele

  2. Hai ragione, è un pò come il lodo Alfano, che prevede l’immunità per le 5 piu alte cariche dello Stato.
    Ma per definizione, queste cariche non dovrebbero essere immacolate? un esempio per tutti?
    Allora che se ne fanno dell’immunità?
    Ci si deve ribellare
    Ciao

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.