C’è una grande (cattiveria) tra di noi.

Io il video non l’avevo visto mai… ma stasera in palestra è finito su tutti i monitor.

Mi circondava da ogni lato e così non ho potuto fare a meno di guardarlo. Fatelo anche voi adesso.

Ho sempre pensato che questa fosse una dolce canzone… e invece, guardatela bene.

Quant’è cattiva? Quant’è altezzosa? Quant’è vera e falsa insieme…?

Ma chi è quel ragazzo che può augurare una prigione simile, con tutta quella rabbia, alla propria amata?

Generazioni di ragazzini cresciuti a cantarla a squarciagola su uno scooter andando a mare… forse, una volta tanto, era il caso di dirgli: passate più tempo davanti alla tv!

Ahi ahi.

Emanuele

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

6 commenti » Scrivi un commento

  1. hey calma emanuele :dogarf: ma che sdogani dalla tua tastiera, cosa diamine scrivi? 😡 Questa è, e resta una calzone dolcissima, l’interpretazione è personale come per ogni canzone, figurati che io ascolto brani metal violentissimi anche nel testo e penso a cavalieri che salvano principesse per fare un esempio. Ma poi cosa ci vedi di tanto cruento forse non hai capito il senso del video… il senso è “vedi ciò che veramente sono (lui dice alla ragazza) e non ti soffermare nella mia apparenza di ragazzo senza un senso. Mica la sta uccidendo alla sua ragazza… non vuole che si perda nel mare di stronzate della vita. E’ un alternarsi delle due personalità del protagonista che chiede soltanto di essere amato davvero e di essere riconosciuto per quello che è e basta. Mi stupisce che non arrivi a una conclusione così banale. Comunque… Ciao Manuè… pensa benè

    P.S. questa canzone la facevo in concerto con uno dei gruppi che ho avuto in passato. TEMPI MAGICI 😉

  2. ERRATA CORRIGE: *benè — scusami — volevo scrivere bene … non pensare male eh emanuè che i commenti li scrivo fast, molto molto fast… bye

    non pensare male… pensa bene

  3. Bah… ma lo vedi come glielo dice? Diventa quasi una tortura per lei e lui sa benissimo di esserlo. E c’è tanta rabbia nei suoi occhi… fa persino volare i banchi in classe… non mi sembra proprio sereno!
    Se questa è una canzone dolce… io sono fatto male! 😛
    Ciao,
    Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.