Lavoro a Santa Chiara

Che mattinata…

Oggi abbiamo svuotato le quinte del teatro di Santa Chiara… abbiamo caricato 1 furgone intero per 2 volte… ho passato 3 ore a muovere sacchi …caricarli e poi scaricarli da Biagio Conte. Non ero mai entrato nella missione di Biagio Conte… ed entrarci, un pò, mi ha deluso. Ci sono tanti, ma tanti vestiti… così tanti, che hanno una pressa che li imballa… per finire al macero. Sembra il cimitero dei vestiti…

Si, è anche vero che viene la gente a cercare qualcosa di nuovo da prendere… però, tantissimi vestiti, finiscono in quella macchina… per non essere più indossati. Credo che quando si abbiano dei vestiti usati, ma ancora in buone condizioni… è sempre meglio trovare personalmente a chi darli perchè, tutte queste missioni per i poveri, si trovano spesso sommerse da così tanta “carità” (quando la gente non li da perchè per loro è spazzatura…) che purtroppo devono disfarsene.

Oggi, mentre caricavo il camion a Santa Chiara, una signora mi chiedeva in continuazione di cercarle qualche pantalone per suo marito. I sacchi erano tutti chiusi, ma il suo bisogno… non l’ha fermata dall’iniziare a rovistare qui e li.

E’ stato bello, mentre lavoravo, sentire i bambini dell’asilo dove sono andato tutto l’inverno… che, affacciati alla finestra gridavano “emaneveeee” e iniziavano a ridere ogni volta che passavo… 🙂 Io gli facevo le pernacchie da li giù… e loro iniziavano a ridere ancora di più…

Mi rendo conto, che ultimamente, quando devo fare qualcosa, mi impegno veramente più che posso. Sento di essere veramente molto diverso dall’altro obiettore. Lo vedo spesso cercare di non stancarsi più di tanto… preoccuparsi per la polvere… (voleva i guanti!!) e addirittura voleva una mano per molti sacchi. Io, non so, forse perchè già conosco l’ambiente li… o forse per via degli scout, ho cercato di dare il massimo che potevo… altro che polvere o sporcizia… i sacchi o gli scatoloni li portavo anche sulle spalle… e aiutavo anche i ragazzi di colore che vivono dentro Santa Chiara che stanno veramente ripulendo tutto il teatro…

Non potevo naturalmente dire all’altro obiettore di sbrigarsi o che per me certe cose che diceva erano seriamente ridicole… perchè, in fondo, non lo conosco. Non posso permettermi di dirgli cosa sia giusto fare, anche perchè, essendo i primi giorni… ci stiamo ancora conoscendo, e dunque, è meglio mantenere e creare un rapporto di simpatia. Volente o nolente, dovrò stare con loro 10 mesi.

Da domani, comunque… tutto si rivolta. Svolgerò il mio servizio il pomeriggio… la mattina, all’università a seguire le lezioni. Fortunatamente per me dovrei avere solo 4 ore di lezioni al giorno ben concentrate dalle 8 alle 12. Sembra tutto perfetto per poter organizzarmi in modo da arrivare alle 3 a Santa Chiara.

6 ore, vogliono dire dalle 3 alle 9 di sera li dentro. Praticamente i miei prossimi pomeriggi, scompariranno…

Penso a quante volte potrò vedere Fabiana quest’inverno… sta diventanto sempre più difficile vederci… ed è triste, perchè mi manca sempre tantissimo. Spero che potrà venire spesso a trovarmi li…

Beh, per oggi ho il pomeriggio libero, forse l’ultimo… chissà, adesso vado a pranzare… spero tanto di poter vedere Fabiana…

Buona giornata…

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive con sua moglie in una casa con un ciliegio e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

1 commento » Scrivi un commento

  1. Pingback: Thoughts: loro pensano, tu discerni. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.