Quiete dopo la tempesta.

Questi sono stati giorni frenetici.

La consegna di una tesina per una materia all’università, l’ansia di trovare i regali, il traffico, il clima incerto, la preparazione del campo invernale, la necessità di dover riordinare tante cose tornando da una settimana in Toscana…

Sto andando a nanna, domani sarà la vigilia.

Ad accompagnarmi a letto c’è una dolce canzone… voglio che sia lei ad aprirmi la strada nel mondo dei sogni.

“You’re in the arms of the angel… may you find some comfort here…”

Voglio che sia questo angelo a farmi scoprire il vero Natale…

Sogni d’oro,

Emanuele

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.