Maledette finestre.

Essì, oggi le odiavo in fondo. Quelle finestre larghe e grandi in facoltà… maledizione.

Mostravano un quadro stupendo. Due montagne, un cielo azzurro, qualche albero qui e li ed un sole che sembrava esplodere… come concentrarsi sui “codici”? Sul codice 3? Sull’espressione dei numeri in complemento alla base decimale meno uno? Sull’espressione dei numeri in virgola mobile all’interno di un calcolatore? Sull’hidden bit…?!
Il professore blaterava arabo, mentre io, immaginavo me… disteso in cima, sotto un albero a guardare il cielo…

Maledette finestre.

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.