Parole in amicizia.

E’ bello quando succede… ed era effettivamente da tanto che non accadeva.

Stasera, dopo essere uscito per una birra e fare 4 chiacchiere io, Peppe, PeppeM, Anto e Salvuccio, ci siamo fermati io ed il primo Peppe sotto casa mia a parlare.

E’ stato bello, perchè erano discorsi fatti in sincerità… e con tanta fiducia l’uno verso l’altro.

Ho cercato di aprirmi un pò, era da tanto che non succedeva, ma so che è così che potrò, piano piano, uccidere definitivamente tutti quegli scheletri che tengo nascosti nell’armadio…

Anche lui si è aperto, ma… a differenza di me, ha già maturato qualche sicurezza in più. Oserei dire “beato lui”, ma so che la fortuna non cade dal cielo… (solo la mia pulcina è arrivata da li… :roll:), e così, la sicurezza devo cercarla dentro me.

Chissà se un giorno sarò in grado di scrivere qui ciò che per ora sta nell’angolo più buio e nascosto del mio essere. E non sarà “sparlare” di se in piazza. Sarà solamente aver maturato certe cose ed esserne in grado di parlarne…

In ogni caso, è meglio che vada a letto… volevo ricordare questo bel momento con qualche parola che venisse direttamente dalle emozioni con le quali son salito: domani non sarebbe stato lo stesso.

E’ tardi, rispengo il pc.

Sogni d’oro,

Emanuele

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive con sua moglie in una casa con un ciliegio e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.