L’illusione pericolosa dei software per prevenire i crimini

Siamo portati a credere che il tracciamento sia utile solo alla pubblicità che verrà mostrata sui social network o che ci insegue durante la nostra navigazione.

In realtà, il limite alla fantasia è quasi inesistente ed è molto alto il rischio di ritrovarci catapultati in distopie aggressive, pericolose e limitanti della libertà personale.

Questo è un problema molto vasto di soluzionismo tecnologico molto in voga nell’industria della tecnologia che porta a credere che la tecnologia possa risolvere tutti i nostri problemi invece di spingerci a riflettere di cosa abbiamo bisogno per avere una società equa e imparziale e quale sia il ruolo della tecnologia se ne esiste uno.

Per questo genere di problemi non esistono mezze misure: finché i dati verranno raccolti qualcuno sarà interessato ad usarli. Nel 2011 i browser provarono ad inserire il “Do-Not Track”, un sistema che doveva informare il sito visitato circa la nostra volontà a non essere tracciati. La storia ci ha insegnato che è rimasto un sistema ignorato sia dai piccoli siti che dai grandi portali: Google, Facebook o Twitter non rispettano il DNT.

L’unico metodo per evitare tutto ciò è favorire tecnologie che abbiano rispetto del nostro spazio vitale e che non colgano ogni occasione per analizzare le nostre abitudini. L’industria porta a credere che sia inevitabile semplicemente per proteggere il proprio mercato.

Emanuele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.