“I pesci non chiudono gli occhi” di Erri De Luca.

Pochi mesi fa avevo letto “E disse” di Erri De Luca e pochi mesi fa mi ero lamentato per lo stile dello scrittore che trasuda di amore per i periodi brevi, per le frasi che alla leggibilità contrappongono la ricercatezza dei vocaboli. Dentro me però sapevo che il gioco condotto da De Luca mi aveva affascinato e quando ho visto in libreria “I pesci non chiudono gli occhi” non ho saputo resistere. Perché oltre a ricordarmi sia il mio segno zodiacale che i pesciolini del mio acquario, la quarta di copertina anticipa qualcosa di intrigante per chi, come me, reputa i cambiamenti qualcosa di necessario per il sol fatto di voler rimanere in vita.

Il mio corpo non mi sta a cuore e non mi piace. E’ infantile e io non sono più così. Lo so da un anno, io cresco e il corpo no. Rimane indietro. Perciò pure se si rompe, non importa. Anzi, se si rompe, da lì dovrà venire fuori il corpo nuovo.

Tratto da “I pesci non chiudono gli occhi” di Erri De Luca

In realtà devo confessare che questo libro, col senno di poi, potrebbe condividere qualcosa di più (tristemente?) profondo. Vi spiego: non so se sia colpa dell’ascetismo che, per forza di cose, la vita in un monolocale un po’ impone o se il fatto che in tv dessero solo Sanremo (che ho volutamente perso ed ho “letto” giornalmente a-posteriori un po’ sul web un po’ attraverso i tg) ma le ultime sere di questi giorni le ho dedicate a queste pagine. Il libro però, vede come protagonista un ragazzino un po’ schivo nei rapporti umani che scopre il mondo e gli adulti attraverso i libri. Ovviamente – vi rassicuro – continuo ad avere una vita sociale ma ammetto di amare e godere nel ritrovare spazi tutti miei.

Leggere somigliava a prendere il largo con la barca, il naso era la prua, le righe le onde. Andavo piano, a remi, qualche parola non capìta la lasciavo stare, senza frugare nel vocabolario. In attesa di intenderla, restava approssimata. Dovevo arrivarci da solo, definirmela attraverso altre occasioni, a forza di incontrarla.

Copertina de: "I pesci non chiudono gli occhi" di Erri De Luca“I pesci non chiudono gli occhi” è la storia d’amore estiva dell’infanzia. E’ la tenerezza della scoperta della mano di quella bambina che, fino a qualche istante prima per te era solo un altro essere, qualcosa che non poteva scuoterti all’interno. E’ la strana sensazione che si prova nell’aver pronunciato, in piena inconsapevolezza, una frase che trasuda di romanticismo. E’ la scoperta della parola “amore” stessa: un termine che fino ad una certa età si fatica a comprendere: perché “i grandi” stanno male per essa? Perché farebbero di tutto per averne? Perché sembra così bella ma è intrisa di odio e vendetta? Domande innocenti di un bambino che non l’ha ancora scoperta.

Il tutto, raccontato durante l’estate di poco più di mezzo secolo fa, caratterizzata dal papà che salpa verso l’America alla ricerca di fortuna nel primo dopo-guerra e la saggezza del mare e degli animali che trasmettono verità senza dilungarsi in troppe parole.

E’ un bel libro. Una storia molto leggera accompagnata dallo stile, inequivocabile, che contraddistingue De Luca: sembra sia un uomo incapace di strillare. Non incontri eccessi, non ci sono pagine particolarmente spigolose ma anche le scene più convulse e appassionanti sono raccontate con la stessa velocità. Potrebbe suonar strano ma ti permette di apprezzare allo stesso modo dalla prima all’ultima pagina.

Emanuele

11 commenti » Scrivi un commento

  1. Detto che non penso che ci sia niente di male nel godere di avere spazi propri, anzi … mi hai fatto venire vogliadi leggere questo libro…andrò a cercarlo 😉

  2. Questo di Erri mi manca… lo recupererò 🙂
    Ultimamente ne ho letti altri due suoi ma non sono riuscita a scriverne… non so, ma ogni volta che ci ripenso, la trama mi comunica riflessioni diverse e non so come mettere tutto insieme 🙂
    Apprezzo tanto come lui riesca a descrivere l’umanità in maniera approfondita usando parole “contate”.

    • A35G, leggilo, non te ne pentirai. E’ una storia semplice e molto leggera. 🙂
      Danix, ma si… non credo neanch’io ci sia nulla di male nel saper star con se stessi (anzi, la gente fatica a comprendere che sia ANCHE necessario farlo), però la vita nel monolocale è un “silenzio forzato” che noti soprattutto quando tieni tv o musica spenta. Il libro leggilo e fammi sapere! 🙂
      Stefy, si… De Luca è fenomenale perché sembra stringatissimo ma in quelle poche parole fa passare sempre tanto. Ogni frase è maledettamente intensa. Chissà che lavoro di revisione ci sia nei suoi testi… ma è proprio bravo! Io spendo miliardi di parole in più per “tentare” di dire la stessa cosa… 😐
      Ciao,
      Emanuele

  3. credo che gli elementi di fondo siano gli stessi: i libri, un bambino, la guerra con tutte le sue conseguenze…nn so darti ancora un giudizio…tra viaggio e febbre…sono ancora alle prime pagine…

    • Anita, appena lo finisci fammi sapere. Sembra interessante e anche se ho già una sfilza di libri da leggere, potrei metterlo in coda… 🙄
      Ary: no! Dove posso trovarlo?!
      Ciao,
      Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.