…e ‘sti cazzi?!

Scusate, mi son ripromesso di non parlare più di me su queste pagine e, in effetti, la cosa mi sta riuscendo (e divertendo). Ieri sera però ero dentro l’autodromo di Monza, per l’evento di presentazione della nuova BMW Serie 1 (ok, ho detto due cose che inserite in una frase insieme, a me, fan sbavare…).

Non voglio raccontarvi dell’evento né dell’emozione di entrare nell’autodromo. Piuttosto, ad un certo punto, mentre facevo entra-esci dalle auto esposte (sbav, ma l’ho già detto che…) un ragazzo ferma un mio amico: voleva fargli due domande sull’auto e – serissimo – si presenta esordendo con “ciao, sono un famoso blogger“.

Ok. Fermi tutti. Spegnete la musica, rimettete i veli alle auto. Chiudete i cofani. Fate rientrare le ragazze immagine. F-a-m-o-s-o b-l-o-g-g-e-r.

Cosa ha detto?! Calma, calma calma. Respiriamo e… va bene. Anzi, va benissimo che ti definisci blogger (in mancanza d’altro?!?). Tu scrivi, quindi sei blogger (cogito ergo sum). Bene. Posso anche accettarlo anche se io, per abitudine, se devo scegliere cosa dire di me, preferisco parlare della mia professione (e ok, magari è il tuo lavoro, ma che io sappia – in Italia – solo un paio di persone han tentato di “vivere” facendo i blogger). Ma… “famoso“? Non è uno status che dovrebbe riconoscerti la società? Tu sei famoso se io ti riconosco nella massa. Tu sei famoso se io vengo incontro per stringerti la mano. Tu sei famoso se un grosso gruppo di persone sa chi sei. Tu sei famoso se io avessi saputo prima che saresti stato presente all’evento.

A me questi tipi fan ridere apertamente e posso assicurarvi, ahimé, che sparsi per la blogosfera ce n’è vari. La cosa che più mi diverte è che molti famosi blogger si stracciano le vesti per guadagnare briciole di visibilità e non dormono la notte se gli sponsor non arrivano, così – per fargli un dispetto – li manderei tutti su questa pagina qui (che ho sempre visto queste pagine solo come un gioco).

E’ anche grazie a tipi così che nei primi anni del boom-dei-blog seguivo un po’ quel mondo e poi, pian piano, mi sono defilato nel mio angolino.

Emanuele, blogger dal 2003.

No, dai, Emanuele, scrivilo… ti dico che… – no, dai non posso, mi sembra una cazzata, io neanche dico ai miei amici che ho un blog… – ma si, ma si! – Ok ci provo però… – Fidati cavoli, vedrai che bello…

Emanuele, famoso blogger.

Ohhhh… e ora?!  – e ora… ‘sti cazzi! – Ahaha, lo sapevo, me l’hai fatta…

PS: ma poi, per fare due domande su un’auto, bisogna essere famosi?! 😕

19 commenti » Scrivi un commento

    • Frodo: shhh non dirlo in giro che sono famoso che poi mi inseriscono in qualche lista da red carpet e io non sono assolutissimamente il tipo! 😛
      Marta: no, ero serissimo quando ho detto che la Serie 1 è favolosa! 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  1. Che dire?

    Io spero di incontrarti ogni giorno che passa per stringerti la mano dannazione 😀

    E poi…tu sì che sei famoso 😉

    • Secondo me è colpa di qualche insicurezza profonda. Perché uno che si spaccia per “famoso” è ridicolo. Passano i giorni ma non riesco a trovare un senso logico migliore…
      Voi però, se un giorno doveste incontrarmi per strada, corretemi incontro con un foglio di carta e una penna. Fate provare anche a me l’ebbrezza di un autografo strappato di mano! 😛
      Ciao,
      Emanuele

  2. Non conoscendo affatto l’Olimpo dei blor, io probabilmente a seguito della sua presentazione gli avrei risposto :”Scusa, cos’hai detto che sei?” 😀

  3. Non conoscendo affatto l’Olimpo dei blog, io probabilmente a seguito della sua presentazione gli avrei risposto :”Scusa, cos’hai detto che sei?” 😀

    • Evilripper, secondo me iniziava a tremare dal nervoso, a sudare freddo e a guardarmi fisso come se stesse per provocare l’ennesimo Big bang!
      Veronica, oh cavoli, non ho il tappeto rosso per accoglierti ma benvenuta! 😛
      (ma sei proprio famosa famosa famosa?!).
      Ciao,
      Emanuele

Rispondi a evilripper Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.