Seduto, dopo l’uragano.

I don’t know if you can see
the changes that have come over me…

Amy MacDonald – Caledonia (hidden track)

Ogni tanto ripenso a questi giorni qui. E’ proprio strano. Sono fin troppo calmo. Manca circa un mese alla data della laurea e io sembro non pensarci più di tanto, come se quel traguardo, tutto ad un tratto, fosse divenuto un piccolo passo necessario per obiettivi ogni volta più grandi.

La mia famiglia ha già fatto i biglietti, persino il nipotino – che ad appena quattro mesi batterà tutti prendendo l’aereo – ha un posto prenotato verso quella giornata.

Io, solo io, non ho ancora fatto il mio biglietto. Non ho capito quando sia utile tornare e quanto non lo sia star qui. E’ un appuntamento col futuro quello che mi aspetta e ancora, sebbene sia tutto sempre più pronto, non ho ancora dato la mia conferma. Questi giorni li sto vivendo con una serenità disarmante. Non mi sento stressato, stanco o preoccupato dall’idea di dover affrontare quei 10 minuti lì. Al contrario, mi sembra di aver già superato la tempesta più grossa e adesso mi godo la quiete che ne deriva.

So semplicemente di aver già preso una decisione importante, qualcosa che maturo dentro da tempo e di cui vi parlerò meglio tra un paio di settimane.

Tutto sta procedendo secondo piani, cui io mi affido, programmati da Chi – ho imparato – sa sempre dove condurmi.

Emanuele

5 commenti » Scrivi un commento

    • Speriamo si faccia una bella dormita… o tante persone tenteranno di usare il paracadute pur di scendere prima… 🙄
      Ciao,
      Emanuele

  1. Pingback: Silenziosamente! - …time is what you make of it…

  2. Pingback: Non uccidete il vitello grasso! - …time is what you make of it…

  3. Pingback: Non fatemi regali ma fatemi un regalo! - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.