I colori del mio blog.

Oggi il blog compie sette anni. Sette lunghi anni di racconti di vita vissuta che, un po’ come il più famoso sogno biblico, hanno alternato anni di vacche magre ad anni di vacche grasse. Più passa il tempo, però, più questa strana avventura mi piace. E’ nata per caso ed è diventato un gioco (che nel frattempo m’ha anche regalato qualcosina) di cui non so fare a meno. Chissà che un giorno i miei nipoti o i nipoti dei miei nipoti leggendo queste pagine… ok, sto fantasticando troppo.

Intanto, questo blog, nel tempo ha cambiato faccia 4 volte e oggi, invece di prendere un coltello e concedergli il taglio della torta, ho voglia di raggruppare i temi che si sono succeduti.

“…time is what you make of it…” nacque in nero, non perché fossi a lutto, ma perché a quell’età il computer per me era qualcosa di magico e l’interfaccia testuale dei primi computer mi affascinava incredibilmente. Sfondo nero e pochi comandi utili a far funzionare quelle grosse scatole, tutto il mistero di quegli impulsi elettrici si concretizzava lì. Il mio blog voleva esser questo e così, tema monocolore e tante parole che giravano nella mia testa e finivano archiviate e concretizzate online. Ricordo inoltre che in quel periodo, parlare di blog agli amici era come raccontare una puntata di Star Trek… futurismo puro.

Pian piano però quel nero iniziò a starmi stretto perché mi accorsi che dietro ogni parola di quel luogo virtuale c’erano sentimenti, c’ero io. Io che non sono mai stato una persona con una personalità cupa, dark o “emo” (quanto mi sta antipatico questo neologismo…). Mi dispiaceva, però, stravolgere totalmente quel concetto di web-log (nasce da li in neologismo blog!), strumento tecnologicamente avanzato di quel periodo. Dal nero così passai ad un più accettabile (?) blu.

Ben presto però, Splinder mi stette stretto e a manina convertii l’intero database a WordPress (il “motore” su cui gira il blog odierno). Il passaggio a WordPress però mi obbligò a cambiar tema, così dovetti cercare qualcosa che si avvicinasse a quei colori. Questa versione del blog che vedete sotto, forse un po’ squadrata, è quella che tra le precedenti ricordo con maggiore affetto perché su quello sfondo, ho impresso varie pagine importanti della mia vita.

Non a caso dal 2005 al 2009 andò avanti con quella grafica senza grosse modifiche.

Nella vita però, arriva sempre il momento in cui qualcosa ti cambia dentro inesorabilmente. Scatta una molla e da lì in avanti sei qualcos’altro. Il proiettile esploso dal grilletto premuto, seppur ancora in canna, non ha speranze di tornare nel caricatore. Qualcosa esplose in me, ecco tutto.

Così, sull’onda del cambiamento, un bel giorno ho sfornato la mia prima creatura. Un tema completamente ideato da me, su cui ho lavorato varie notti (gli unici momenti disponibili della giornata :-|), a cui assegnai un nome bellissimo: “Kiss Me“, che però, giocando un po’ con l’inglese, un po’ con la bella canzone dei Sixpence None The Richer descriveva le scelte cui doveva sottostare. In informatica KISS è un acronimo che significa “keep it simple, stupid” (fallo semplice, stupido – perché solitamente un programma complesso è più soggetto ad errori) ed è proprio ciò che volevo fosse. I colori, la grafica, tutta doveva mantenere una sobrietà che forse fa anche parte di me.

Sapete, credo tanto che i colori che contraddistinguono queste quattro versioni del blog durante questi lunghissimi sette anni non sono lì per caso. Forse è la crescita, forse è altro ma… più sono andato avanti, più ho cercato di fare chiarezza nella mia vita ed è indubbio che la cosa si sia riversata anche su queste pagine.

Intanto, mi auguro di avere questa voglia di scrivere per almeno settanta volte sette, che poi le vacche magre arrivano e io devo avere un po’ di fieno da donare… (essì, ci vuol pazienza…!). 🙂

Emanuele

11 commenti » Scrivi un commento

  1. bhe… che dire…auguri!!!!
    ci vuole un po’ di cambiamento, io anche l’ho fatto di recente. data la mia età e la mia ignoranza adolescenziale con i blog iniziai con qualcosa di semplice per poi creare il mio ”bambino” di ora che sicuramente tra qualche tempo sarà costretto a cambiare stile. in conclusione, va bene cambiare, vuol dire crescita. l’importante è rimanere fedeli con l’impostazione del blog, con quello che scrivi; è lì che se si cambia c’è il rischio di sconvolgere troppo gli spettatori!!
    ps: usavi splinder???io non ho mai avuto il coraggio di usarlo…non mi convinceva proprio!

    • Essì… chi non cambia è morto dentro! 🙂
      Comunque ho iniziato con Splinder perché a quei tempi non è che WordPress fosse così diffuso (considera che la prima versione nacque nel 2003, proprio mentre io aprivo il blog…), così non esisteva neanche WordPress.com per ospitare blog. Anche Blogspot era in crescita (Google lo comprò da un’azienda più piccola nel Febbraio 2003…) così le alternative erano poche (e gli Spaces di MSN erano – e rimangono – orrendi…) e Splinder rappresentava l’unica vera realtà italiana consistente. Un paio d’anni dopo le cose cambiarono e non esitai più di tanto a spostare tutto su WordPress (installato sul mio spazio web). 🙂
      Ah, in realtà non mi sono mai preoccupato di sconvolgere i lettori… o se l’ho fatto penso proprio che “era inevitabile”. Io scrivo ciò che penso e ciò che penso dipende da ciò che sono. Non c’è verso di legare ad un paletto lo stile o le idee…!
      Ciao,
      Emanuele
      PS: mi piace il nome “farnocchia“, suona bene in bocca. Com’è nato? 🙂

  2. Cavoli che storia 7 anni… hai dovuto anche fare il travaso dei dati manualmente! :dogarf:
    Che storia c’e’ ancora quello su splinter, che speriamo fallisca mai visto che contiene anche il mio primo blog!
    Cmq complimenti per il tema e auguri per i sette anni di questo blog!

    • Grazie evilripper… comunque il blog su splinder l’ho lasciato giusto come amarcord di “tempi andati”. Tutti i post che si trovano li sono stati trasportati sul mio dominio così nessuna parola e nessun commento sarà mai perso. Nei secoli dei secoli (amen :-D).
      Ciao,
      Emanuele
      PS: sta diventando vecchietto…! 😛

  3. Complimenti e Auguri 🙂
    Portare avanti un blog per sette anni vuol dire che c’è pura passione sotto,non come fanno molti che lo aprono solo per fare soldi 😉
    Continua su questa strada!

    • Michele, in effetti 3125 post di cavolate non si scrivono se non ci fosse passione (per le cavolate… :-|).
      camu: è pura ricorsività questa! Sul blog registro anche com’è il blog! :dogarf:
      Ciao,
      Emanuele

  4. il mio ”sconvolgere” era inteso in qualcosa di più drastico..tipo, mi sveglio una mattina ed inizio a scrivere della nuova collezione primavera/estate di scarpe super fashion o su quanto ti posso piacere i capelli del cantante dei tokio hotel….vabbè forse esagero!
    il mio nome nasce da un momento di follia da preparazione esami: per fare un paragone anatomico ad una mia amica le dissi che quello che insinuava lei sul corpo umano era come fare un animale mezzo ranocchia mezzo farfalla, ovvero una ranfalla (ma suonava uno schifo) o una farnocchia!!!
    e…tadaaaaaan!
    lo so quando spiego il mio nome deludo n po’ tutti!! 😀

    • Eh no, non credo che dal nulla possa diventare un esperto di qualcosa totalmente distante da ciò che ero ieri… non c’è questo rischio!
      Riguardo il nome… certo che la nascita è proprio assurda però il risultato è orecchiabile e – in bocca – continua a piacermi! :joy:
      Ciao,
      Emanuele

  5. Pingback: Bl8g. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.