Siamo partiti!

Ho un turbine di emozioni che devo ancora riuscire a canalizzare verso qualcosa di concreto. E’ stato supercalifragilistichespiralidoso.

Trenta persone diverse, trenta persone in arrivo da qualsiasi parte d’Italia.

Non so ancora dire quale sia stato il momento più bello, so di aver vissuto ogni secondo il più pienamente possibile. Ho incontrato Alex Zanotelli e Raffaele Del Giudice, direttore di Legambiente Campania. Ho vissuto alcuni giorni a Sanità, il quartiere del video-shock dell’omicidio camorristico avvenuto lo scorso mese a Napoli. Ho giocato con i ragazzi che vi abitano. Ho “vissuto” uno degli abbracci più belli, intensi e profondi degli ultimi anni.

Devo ancora riuscire a razionalizzare ciò che ho dentro, mettere in ordine le esperienze, riuscire a raccontarle non come un insieme indefinito ma come una sequenza di momenti stimolanti. Ho un quaderno pieno zeppo di appunti, foglietti e libri da leggere. Tantissime cose segnate come “importantissimo” che dovrò rivedere necessariamente.

Vorrei iniziare raccontandovi di quando son diventato cieco e di come abbiamo fatto l’amore… ma lo rimando ai prossimi post.

CFA Napoli - Costiera amalfitana - tramonto (01) CFA Napoli - Costiera amalfitana - tramonto (02)

Intanto vi lascio con due foto della Costiera amalfitana, uno dei luoghi più belli che abbia mai calpestato durante la mia vita e con quelle due semplici parole del titolo che sentivamo ogni volta che dovevamo iniziare a far strada.

Perché è bello sentirsi proiettati più avanti di dove si è realmente…

Emanuele

15 commenti » Scrivi un commento

  1. Posti magnifici immagino visto che non sono ancora riuscita a vederli , da quanto leggo altrettanto magnifica compagnia 🙂

    • Barbara si… paesaggi incredibili. Con gli anni ho fatto strada un po’ ovunque in Italia e devo dire che la Costiera amalfitana è incredibile, camminando rimanevi con lo sguardo fisso verso il mare… assurdo!
      Mao, c’è sempre tempo per riprendere! Io mi sto già costruendo i contatti per il futuro…
      Ciao,
      Emanuele

Rispondi a Vivere nel presente. - …time is what you make of it… Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.