Archivio dei post taggati ‘relax’

Sometime what you need is only to take care of yourself.

Scritto il 31 marzo 2014 alle 22:15

Ho passato il weekend in Svizzera. Poco più di due giorni a Losanna, compresa una fuga serale in due per una stupenda fondue cotta usando il meraviglioso vino frizzante Crémant de Dardagny [la più buona fondue mai mangiata fin ora, il locale è il Buvette des Bains, al centro del Lago di Ginevra].

Sometime what you need is only to take care of yourself.

La Svizzera si dimostra sempre un mondo fuori dal mondo. Tutto è rifinito e perfetto e se un tempo era Milano a stupirmi per il grado di civiltà, adesso – indiscutibilmente – ho ridimensionato il mio stupore. E’ una differenza che pesa e che mi porta a credere che, senza alcuna colpa, sia plausibile per chi vive in paesi fortunati come questo trovare difficoltà nel comprendere la dura realtà del sud del mondo.

Io, intanto, avevo bisogno di una pausa. Di parole lente che potessero smuovere dentro nuove vibrazioni ed ho goduto di ogni singolo istante.

Emanuele

Giro di boa.

Scritto il 27 agosto 2013 alle 8:15

Oggi questo blog compie dieci anni. Vien facile sentirsi più vecchi ma è altrettanto semplice avvertire una netta differenza rispetto a ciò che ero a vent’anni. Chissà quale sarà l’evoluzione nei prossimi dieci: la differenza sarà così marcata come per questa prima decina? Nella pentola, gli ingredienti in cottura son così tanti che è facile immaginare che la vita, al prossimo appuntamento, si presenterà totalmente diversa.

I will be able to handle rough seas until I will be with you.

Tutto quello che siamo lo portiamo con noi nel viaggio.
Portiamo con noi la casa della nostra anima, come fa una tartaruga con la sua corazza.

Andrej Tarkowsky

Emanuele

PS: la foto arriva dalla Croazia, dove – una decina di giorni fa – ho passato una settimana di mare-sole-amici-relax più che necessaria e desiderata dopo quattro mesi in Cina.

Sempre avanti.

Scritto il 4 maggio 2013 alle 18:19

Passeggiata in monociclo

Shadows or not, you can only keep going.

Martedì torno in Cina per un altro mese, questo 2013 si sta mostrando più pieno e intenso di quanto preventivato. I desideri attendono, i sogni crescono.

Emanuele

Come spugne.

Scritto il 22 gennaio 2013 alle 9:23

Non sono scomparso. Il 2013 è iniziato in maniera intensa e travolgente. La prima settimana di Gennaio ho percorso oltre 1000km per lavoro poi, per riprender fiato, con la girl mi son ritrovato a passeggiare in Spagna, tra i giardini dell’Alhambra, a mangiare coda di toro a Ronda, a fumare un narghilè e mangiare boccadillos a Granada, a sognare tempi che furono a Fuente Vaqueros nella casa di Garcia Lorca, ad ammirare il mare e il clima stupendo dal castello di Alicante.

Alhambra e arcobaleno

Adesso sono di nuovo a Milano, ma per poco: domani sarò su un aereo intercontinentale. Primo scalo a Francoforte e poi dritto verso Shanghai, la più grande città del pianeta. Rimarrò dall’altro lato del mondo per qualche settimana così, son sicuro, ci sarà altro da osservare, assaggiare, ascoltare, imparare. Perché ogni giorno si può vivere come una spugna che si nutre lasciando che l’universo le entri dentro.

Emanuele

Lausanne.

Scritto il 13 agosto 2012 alle 10:54

Losanna è interessante. Città svizzera per tanti aspetti (mercatini da film di Heidi; pulizia, ordine e quiete sparsi come erba su un prato concimato) d’estate da il suo meglio sulla riva del lago di Léman dove si possono fare barbecue stupendi giocando in tranquillità con ciò che si vuole tra un bagno e l’altro. Io, oltre a portare il monociclo, mi son cimentato su jboard e slackline. C’era però chi faceva di meglio…

Per i lombardi che non sanno che fare con questo caldo: si raggiunge in auto in 3 ore e mezza (se passate da Domodossola non pagate il tunnel) e il clima era favoloso!

Emanuele

Vizioso e viziato.

Scritto il 8 agosto 2012 alle 10:14

Recco - Mare

The sea is trying to disappear from my life.

Quest’anno ho fatto due bagni: uno a Cannes e uno a Portofino. Sono decisamente fortunato ma non mi riterrò soddisfatto finché non immergerò il piede nella sabbia sicula. Speriamo a Settembre…

Emanuele

Sarà necessario un invito autunnale.

Scritto il 23 agosto 2011 alle 12:35

E’ già passato un mese da quel sabato con gli amici. Sono già passati sei mesi dall’ultima volta che son volato a Palermo.

Grigliata con gli amici

L’odore di quel weekend torna anche oggi, ma senza loro non è la stessa cosa. Da notare (ed apprezzare) la carriola trasformata in tavolino. Questa foto testimonia ineluttabilmente che anch’io bado alla carne (che ogni volta tutti dicono il contrario!). :-P

Emanuele

PS: la foto è sua (che col tempo si migliora) anche se lo scatto, per questa volta, è di qualcun altro (leggere i commenti).

Il paradiso lo immagino così.

Scritto il 25 luglio 2011 alle 10:00

Ieri ho passato la giornata alle Terme Milano tra vasche ad idromassaggio, geyser, cascate, sala hammam e saune. Non avevo mai provato un centro benessere ed è qualcosa di allucinante! 8-)

Terme Milano

All’ingresso ti danno infradito, asciugamani e accappatoio, tutto rigorosamente bianco. Poi inizi il percorso e in maniera libera ed autonoma puoi scegliere dove trascorrere il tempo. La sauna che ho amato di più è stata quella a 46°C. con un livello di umidità dal 90%. All’ingresso prendi una cucchiaiata di bicarbonato e lo cospargi sul corpo. Il bicarbonato farà uno scrub sulla pelle e quando esci hai la pelle più liscia di quella di un bambino. :-)

Bella anche la sauna a 90°C. anche se dopo 5 minuti grondi di sudore come un tombino esploso! :timid:

La scena che invece mi riporta alla frase del titolo è il momento del pranzo: in accappatoio si entra in una grande sala con musica classica. Al centro c’è un tavolo molto elegante con tanta frutta idratante, pomodorini, sedano, miele, yoghurt e così via… si rimane senza parole a vedere tutta questa gente, con la pelle rigenerata e i capelli ancora umidi, che vaga silenziosamente ricoperta da quest’accappatoio bianco in puro relax… chissà che non sia davvero così il paradiso! :roll:

Emanuele